Pagine

giovedì 19 marzo 2009

Poesia per Babbo


Vorrei volare in alto come un gabbiano,
tanto in alto da raggiungere il paradiso,
per poterti rivedere, abbracciare,
parlarti di nuovo e dirti le ultime cose che non ti ho detto.

Ma sono solo un piccolo gabbiano
con le ali spezzate incapace di arrivare da te.
Babbo, babbo, dove vai? Oh, non volare così veloce.

Mi manca il tuo sorriso,
i tuoi sguardi capaci di farsi sempre capire, i nostri litigi.
Vorrei riaverti vicino ma il destino nn c’è l’ha permesso.
Ma arriverà un giorno,
che le mie preghiere arriveranno così in alto
che finalmente scenderà un’angelo per consolarmi
e spero che quell’angelo sia tu babbo.

Avro’ il tuo passo, ed insieme andremo senza lasciare impronta.


Fonte PamAle

6 commenti:

  1. assolutamente fantastica e commovente....un bacio e un grande abbraccio

    RispondiElimina
  2. E' bellissima..................

    RispondiElimina
  3. ...va venire la pelle d'oca...Mary

    RispondiElimina
  4. auguri babbo ovunque tu sia.....
    il tuo blog è bellissssssimo

    RispondiElimina
  5. Che bella poesia intensa e profonda.
    Quando il mio papà non è stato più, io ero una bambina e la nostra vita ha preso un'altra strada. Questa poesia mi ha fatto ricordare tante cose e commuovere.
    Ciao papà Giuseppe

    RispondiElimina
  6. mi sorprendi sempre più....non ti conoscevo sotto questa veste di poeta. un bacio. teresina

    RispondiElimina